Rituali di Magia Nera

Rituali di magia nera – Formule e Fatture

La magia nera conosciuta anche come magia demoniaca è davvero molto diffusa, in quanto consente con molta facilità a chiunque di operare per danneggiare qualcuno “preso di mira” per un particolare scopo. E’ costituita spesso da incantesimi capaci di legare a sé una persona tramite rituali impositivi, esiste infatti la magia nera per far innamorare e legare una persona a sé.

La magia nera esiste e secondo molti studi avrebbe una tradizione sicuramente più antica della Chiesa Cristiana, possiamo quindi affermare che esiste ancor prima della religione. Nel mondo popolare e nella sua tradizione la magia nera  funziona davvero proprio perché pensata in opposizione ad una magia bianca, che invece persegue il bene. Il principio del bene e del male. Secondo la tradizione cristiana sarebbe un mezzo attraverso il quale il demonio tenta di deviare l’umanità dal bene e della luce, tramite dei piani di seduzione diabolica.

Secondo quanto indicato, il mago nero o stregone che viene ingannato dal diavolo tenterebbe di trovare un accordo con le potenze malefiche, in cambio di offerte sacrificali e adorazioni tramite rituali malefici e formule di magia nera come le messe nere. In ogni culto magico esiste una figura designata a compiere riti di magia nera. 

rituali di magia nera

Riti e rituali di magia nera

I riti di magia nera possono essere estremamente potenti ma soprattutto pericolosi a causa dei colpi di ritorno e della potenza delle energie messe in gioco. L’unica opzione possibile perché Vera accetti di ascoltare un caso inerente ad essa è per la  liberazione da una fattura o maleficio. O in casi molto specifici quando è necessario per difesa o giustizia.  Non si eseguono di certo legami in magia nera, è una cosa insensata.

I rituali di magia nera possono essere particolarmente efficaci nel caso in cui una persona voglia rivendicare se stesso o per proteggere qualcosa che ha perso. Diverse sono le formule di magia nera che possono essere utilizzate, sicuramente le più diffuse sono proprio le fatture, oltre ai riti voodoo, ma anche la macumba e l’umbanda.

Le maledizioni sono sicuramente le tipologie di malefici meno diffusi e conosciuti, sarebbe infatti un augurio di male verso un soggetto verso il quale ci si scaglia, attirando su di esso le forze demoniache, o più banalmente sfortuna e negatività. 

L’entità di maledizione quindi sarà proporzionale all’odio di chi maledice, non è raro però che chi ha operato un rituale di maledizione sia stato in grado di produrre danni sul corpo di un individuo preso di mira, come per le fatture di morte.

Tra questi interventi fatture negative e di morte purtroppo sono sicuramente i rituali più diffusi. Il malocchio consiste in un’emanazione conscia o inconscia tramite lo sguardo di un flusso energetico negativo da parte di soggetti che volontariamente o inconsapevolmente colpiscono un individuo debole per rabbia, gelosia o invidia.

Come fare una fattura e quante tipologie di fatture esistono?

Mentre le fatture di magia nera dirette risultano essere anche un atto deliberato che viene operato tramite un contatto tra la vittima ed un oggetto portatore del male, ovvero si lascia mangiare o bere qualcosa di “fatturato”, le fatture indirette invece rappresentano l’azione malefica compiuta su un oggetto chiamato feticcio, che rappresenta la vittima. Entrambi gli effetti qualora vengano diagnosticati per tempo possono venire annullati tramite rituali di magia bianca.

I simboli di magia nera e i riti propiziatori diventano fondamentali per riuscire ad operare sull’oggetto malefico da lasciare alla vittima, riversando su di esso gli influssi negativi proprio tramite particolari procedure, come le fatture di magia nera di morte destinate alla vittima presa di mira.

Gli oggetti in questione carichi di flussi negativi devono essere collocati nella casa o nei suoi dintorni, ma la carica diventa più efficace se il fatturato viene introdotto all’interno del corpo del soggetto, in questa circostanza l’oggetto può essere di natura solida o liquida, ma sarà necessario farlo ingoiare alla vittima.

Un esempio classico della magia nera voodoo è la famosa bambolina, ovvero un feticcio che viene magistralmente creato cucendo capelli o piccoli oggetti appartenuti alla vittima. Alla testa della bambolina viene scritto il nome della vittima, e il male verrà invece inflitto alla bambolina tramite spilloni, e trasmesso di conseguenza alla vittima.

Magia nera per l’amore, per il lavoro e per la salute

La magia nera può agire anche per facilitare o impedire un rapporto d’amore, uno dei rituali comunemente utilizzati fa parte dei legamenti. Tuttavia come già detto non consigliabili dal momento che le tempistiche appaiono ridotte, ma anche il risultato nel tempo.

Il Brasile come sappiamo è la patria dell’occulto, sono numerosi i sensitivi che approfondiscono le conoscenze esoteriche recandosi ed entrando in contatto con il mondo paranormale della magia nera brasiliana, volgarmente conosciuta come macumba, o anche con quella africana, che per certi versi somiglia particolarmente alle macumbe brasiliane.

Diverse sono però le pratiche che con formule magiche consentono di arrecare dolore e disperazione nella vittima, pratiche che sono diffuse anche in diversi posti del mondo, come la diffusione di quella  marocchina e di quella cinese, delle quali è più difficile trovare documenti ma non per questo sono meno potenti.

Nella magia nera rumena non esistono invece evocazioni ma esclusivamente dei rituali operati soprattutto da persone anziane e tramandate di generazione in generazione, degli intrugli di erbe per arrecare il male alle malcapitate vittime. Essendo poco conosciuta non esistono libri o documenti vari della tradizione Rumena.

Anche nel territorio italiano sono diffuse pratiche rituali nere, formule magiche, malocchi e fatture pronti ad arrecare dolore alla vittima. Secondo molti questi riti sarebbero compiuti nelle regioni del sud Italia ma anche nella città di Torino, che è nota per essere una delle punte di magia come Londra e San Francisco, ma anche come Lione e Praga.

La leggenda vuole che la città di Torino sia diventata uno dei punti della magia, sia perché è stata costruita nel punto in cui il fiume Po e la Dora si incontrano, sia perché il 45° parallelo passa proprio per il centro città assicurando alla stessa una grande quantità di magia positiva.

 

Call Now ButtonChiama Adesso!